Cosa fare a Minorca con la pioggia

Quando pensiamo a Minorca ci vengono subito in mente le sue incredibili spiagge e le sue acque azzurre e cristalline. Ci immaginiamo stesi al sole con il rumore delle onde del mare come banda sonora, mentre contempliamo un magnifico tramonto o navighiamo in kayak da una spiaggia all’altra. Ma cosa fare a Minorca quando piove?

Nel caso in cui il tempo a Minorca non prometta bene ed è previsto che piova, non vi preoccupate: a Minorca, in caso di pioggia, ci sono un sacco di cose da fare e da vedere!

Se il clima di Minorca a settembre permette di godersi ancora la spiaggia e il mare, visitare Minorca a novembre è invece un ottima occasione per cogliere il carattere autentico di un’isola meno affollata e molto più verde. Minorca in autunno vi sorprenderà con la bellezza dei suoi paesaggi, la ricchezza del suo patrimonio culturale e la tranquillità dei suoi abitanti.

Vediamo ora una serie di proposte culturali e gastronomiche e alcune idee su cosa vedere a Minorca quando piove.

inverno a minorca

Fortezza della Mola

La Mola o Fortezza di Isabel II è una fortezza militare che si trova all’entrata del porto di Mahón, uno dei porti naturali più grandi del mondo.

Fu costruita a metà del XIX secolo dalla regina Isabel II, da cui prende il nome, per difendere l’isola dagli interessi coloniali della Francia e della Gran Bretagna.

La fortezza della Mola è una delle poche che conservano ancora la rete di cisterne e di canali sotterranei costruiti per l’approvvigionamento dell’acqua in caso di assedio.

La visita della fortezza è molto interessante e vi permetterà di conoscere la più importante fortificazione difensiva di Minorca.

La Mola è aperta tutto l’anno e dispone di un gran quantità di spazi interni e sotterranei che rendono la visita indicata anche nei giorni di pioggia (portando un ombrello per gli spazi all’aperto).

la mola mahon

Potete trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

Forte Marlborough

Il Forte Marlborough è un altro esempio delle fortificazioni militari che furono costruite a Minorca per difendere l’isola, che veniva spesso attaccata a causa delle sua posizione strategica nel mezzo del Mediterraneo occidentale.

Fu costruito dagli inglesi all’inizio del XVIII secolo e deve il suo nome al famoso generale Sir John Churchill, duca di Marlborough.

Il forte Marlborough si trova nella cala di Sant Esteve, nella parte meridionale dell’imboccatura del porto di Mahon.

È un piccolo fortino costruito su un grande fossato con una galleria scavata nella roccia, in cui è possibile vedere alcuni esemplari di artiglieria.

La visita ne vale la pena per conoscere la storia di Minorca e dell’Europa nel corso del XVIII secolo, oltre che per la magnifica vista del porto di Mahón che si può avere dal recinto superiore.

Il forte si può visitare da Pasqua fino alla fine di novembre.

Museo di Minorca

Sempre a Mahón si trova il Museo di Minorca, un antico convento francescano dove potrete conoscere tutto sulla preistoria, la storia antica e la storia del XVIII secolo di Minorca.

Una delle sale è dedicata ai mestieri tradizionali di Minorca e nel museo potrete vedere anche una grande collezione di quadri del XVIII, XlX e XX secolo e numerose carte geografiche dell’isola, dei porti e delle fortezze.

museo de menorca

Il museo è aperto tutto l’anno e potete trovare maggiori informazioni sul loro sito web.

Palazzo Olivar e Palazzo Salort

Spostandoci sul lato occidentale dell’isola e più precisamente a Ciutadella, potremo visitare due dei più importanti esempi degli edifici signorili della città: il Palazzo Olivar e il Palazzo Salort.

Entrambi furono costruiti tra il XVII e il XIX secolo durante l’occupazione inglese come dimostrazione del potere sociale ed economico di nobili e possidenti terrieri.

Si possono visitare da maggio a ottobre.

Mahón, Ciutadella e altri villaggi caratteristici

Un ottima cosa da fare a Minorca in caso di pioggia è passeggiare per il centro storico di Mahón e Ciutadella e visitare gli altri villaggi caratteristici dell’isola: nei giorni di pioggia, può diventare un’esperienza unica e indimenticabile.

Potrete percorrere le stradine del centro storico di Ciutadella e visitare la sua imponente cattedrale, passeggiare per il centro e per il porto di Mahón e scoprire incantevoli paesini come Es Mercadal, Es Migjorn Gran, Alaior e Binibeca.

ciuta

La stampa di questa foto la trovate in vendita su Menorca Infinita

Giacimenti archeologici e insediamenti talaiotici

Minorca, oltre che per gli amanti del mare, è un posto ideale per gli appassionati di storia e archeologia.

Qui infatti si trovano numerosi reperti e siti archeologici della cultura talaiotica che si sviluppò nell’isola durante l’era preistorica. Per l’importanza e l’unicità di questi giacimenti archeologici, nel 2017 Minorca si è candidata per essere dichiarata Patrimonio dell’Umanità.

Visitando con l’ombrello in mano i diversi giacimenti archeologici presenti sull’isola potrete scoprire come vivevano i primi abitanti di Minorca e vedere i diversi tipi di costruzioni megalitiche caratteristiche delle isole baleari: navetas, talayots e taulas.

Potete trovare ulteriori informazioni in questo articolo.

Assaporare la cucina tipica di Minorca

Che c’è di meglio che un giorno di pioggia per godersi un pranzo o una cena in compagnia? È che c’è di meglio di una zuppa calda per riscaldarsi un po’?

Se non avete ancora assaggiato uno dei piatti più famosi della cucina minorchina, questo è il momento giusto per provare la caldereta de langosta, una prelibata zuppa di aragosta molta diffusa nella zona di Fornells.

caldereta menorca

Se avete voglia di un piatto più semplice (e soprattutto meno costoso) e ideale per una giornata piovosa, vi consigliamo un’altra zuppa tipica di Minorca: la oliaigua. Si tratta di una deliziosa zuppa di pomodoro e fichi freschi.

Mercati di Mahón e Ciutadella

Per conoscere lo spirito autentico e comprare prodotti freschi e tipici dell’isola, non c’è niente di meglio che approfittare di un giorno di pioggia per visitare i mercati storici di Minorca, frequentati dai suoi abitanti.

A Mahón, nella piazza del Carme, si trova il mercato del pesce, dove, oltre a poter comprare pesce fresco appena pescato, potrete bere un vino o una birra accompagnati da una squisita tapa. Nella stessa piazza, nel chiostro della chiesa del Carme, si trova un altro movimentato mercato di frutta e verdura, formaggi e prodotti tipici.

mercati di mahon

La Piazza della libertà di Ciutadella, dove si trova il mercato del pesce, tutti i mercoledì e i sabati mattina si riempie di bancarelle di produttori e agricoltori locali. È anche un ottimo posto per prendere un aperitivo nei bar circostanti.

Fattoria Subaida

Se ci interessa la degustazione di prodotti tipici di Minorca, una visita obbligata è la fattoria Subaida.

Situata nei pressi di Es Mercadal, Subaida è una fattoria storica che produce formaggi e insaccati e che si può visitare gratuitamente o con visite guidate che possono includere degustazioni di prodotti propri.

Distilleria Xoriguer

Tra i prodotti tipici di Minorca non può mancare il Gin Xoriguer, un gin con denominazione di origine prodotto a Minorca, che si usa per preparare la famosa pomada o gin amb llimonada, un gin lemon che in estate si serve come una granita.

La distilleria Xoriguer produce il suo Gin dagli inizi del 1700 e organizza visite guidate e degustazioni.

xoriguer

Centro Artigianale di Minorca

In questo centro, che si trova a Es Mercadal, potrete visitare una mostra sugli antichi mestieri tradizionali degli artigiani e dei contadini e troverete anche un negozio dove potrete comprare degli articoli ricordo molto più originali dei tipici souvenir.

Cova d’en Xoroi

La Cova d’en Xoroi è un singolare locale costruito dentro una grotta naturale che si trova vicino a Cala en Porter.

È famoso per gli spettacolari tramonti che si possono vedere dalla sua terrazza sul mare ma, se piove, è comunque un posto molto piacevole dove poter ascoltare musica dal vivo.

xoroi minorca

Purtroppo in inverno è chiuso.

Teatro Principal di Mahón

Il Teatre Principal di Mahón offre durante tutto l’anno un’ampia programmazione culturale di teatro, musica e danza e si può anche apprezzare con apposite visite guidate.

Sicuramente è un piano ideale per uscire a Minorca in caso di pioggia.