Binibeca Vell

Binibeca Vell: il paese dove regna la calma

Uno dei più caratteristici posti da visitare a Minorca è senza dubbio Binibeca Vell. Si tratta di un complesso turistico ricreato a immagine e somiglianza dei piccoli paesini di pescatori del Mediterraneo: case bianche, silenzio, stretti vicoli, piccoli bar e ristoranti fanno di questo posto un luogo ideale per una pausa di svago e riposo. Per arrivarci dovete andare a Sant Lluis, cittadina che si trova a 2 km dalla capitale Mahon. Da qui è possibile raggiungere questo antico villaggio di pescatori, un grazioso borgo che si affaccia su un piccolo porto caratterizzato da viuzze interne e cartelli che invitano a far silenzio. Ristoranti e negozietti renderanno speciale il vostro momento di svago con meravigliose vedute sul mare.

Famosa è anche la sua spiaggia che deve la sua fama all’omonima e vicina urbanizzazione, dalla singolare architettura disegnata dall’architetto Antoni Sintes. La spiaggia – a forma di “U” aperta e circondata da falesie di media grandezza – ha dimensioni minute e si contraddistingue per essere una spiaggia rocciosa, in cui la vegetazione è pressoché assente. Il fondale marino si presenta invece sabbioso nella parte centrale e roccioso in quella laterale. L’accesso alla spiaggia dalla strada è possibile grazie a un ripido pendio. Tutte queste particolari caratteristiche fanno sì che la spiaggia di Binibeca sia poco frequentata sia dai turisti che dalla gente del posto, sebbene le condizioni del mare e sottomarine siano perfette per praticare snorkeling e immersioni.

Molte le strutture alberghiere e le case in affitto per le vostre vacanze, magari proprio quelle che un tempo erano dei pescatori e riconoscibili dalle pareti bianche e delle finestre azzurre. A pochi chilometri da Binibeca si trova inoltre Es Castell, sulla costa sud dell’isola. Una curiosità. In catalano, Vell significa vecchio, mentre nou significa nuovo. Vecchio e nuovo quindi si incontrano perfettamente in questo piccolo angolo di Minorca.

Articoli e notizie su “Binibeca Vell”