Primavera a Minorca: ecco alcune proposte imperdibili

Dopo un inverno piuttosto mite l’ isola si prepara alla stagione estiva con una primavera ricca di novità, appuntamenti ed eventi. Eccovi dieci proposte da non perdere, per godervi l’isola prima dell’arrivo dei turisti estivi.

Provate la nuova annate dei vini locali

Binifadet, ottima e conosciuta cantina minorchina vicino a Sant Lluis, con vigne proprie propone – oltre la visita alle vigne – una degustazione di vini novelli e non, accompagnati da formaggi e marmellate rigorosamente fatte in casa. La degustazione si tiene nella splendida terrazza all’aperto.

Potrebbe interessarti anche ☞ Cosa fare a Minorca a marzo

Andare alla scoperta di cale nascoste

E’ il momento giusto per percorrere i tratti più belli del Camí de Cavalls, ora che il sole non picchia troppo. Per esempio vale la pena percorrere in bici il tratto tra Llucalari e Son Bou, lungo il quale fioriscono le minuscole orchidee autoctone. Potrete poi fermarvi a pranzare sul mare in uno dei chiringuitos che si affacciano sulla spiaggia.

Visitate la costa nord, il diamante grezzo dell’isola

Minorca, come vedete, non è solo mare e spiaggia: prova ne è la costa nord. Brulla, frastagliata, ma estremamente affascinante. Visitate l’area protetta del Capo di Cavalleria, una zona che rispecchia totalmente la Minorca più autentica.

Nel patio del faro (chiuso al pubblico) è possibile visitare un interessante centro culturale, dove scoprirete non solo aneddoti e la storia dei guardiani del faro, ma anche la geologia e la ricchezza archeologica e naturale di questo tratto di costa, che fa parte della “Riserva Marina”.

Regalatevi una siesta a Binigaus

Binigaus, una delle più belle e selvagge spiagge del sud, un’arenile su cui potrete rilassarvi leggendo un buon libro, cullati dal rumore del mare e, perché no, regalandovi una siesta all’ombra della pineta.

Un “mare e monti” non solo gastronomico

Fornells, una delle baie più belle dell’isola: se fosse un piatto sarebbe il più classico “mare e monti”. Regalatevi un’avventura per mare: noleggiate un kayak ed attraversate la baia fino a raggiungere le piccole cale di sabbia che si vedono dal lungomare. Dopodichè, per la parte “monti”, riprendete le forze con un’ottima carne alla griglia da Ca Na Marga.

Potrebbe interessarti anche ☞ Minorca ad aprile: meteo e cose da fare 🌼

Cena romantica …e ?

Quest’anno è stato premiato da Rusticae come uno dei migliori hotel rurali di Spagna, e non a torto. Alcaufar Vell accoglie gli ospiti in un ambiente tranquillo e silenzioso, un’atmosfera di vero relax.

La cena, a lume di candela, viene servita nella terrazza esterna dell’hotel, circondata da ulivi secolari. Se poi decidete che il luogo vale la pena, potete fermarvi a dormire in una delle splendide camere.

Alla scoperta dei segreti del vino e del formaggio di Minorca

L’Hort Sant Patrici, a Ferreries, è una fattoria immersa nel verde, che negli ultimi anni ha aperto al pubblico con visite guidate. Potrete vedere da vicino come si lavora il vero formaggio DOP minorchino, visitare le cantine e le vigne.

L’oriente di Minorca

Dopo essere stato completamente ristrutturato, il lungomare di Cales Fonts è una vera bellezza. Il punto più orientale di Spagna, ingresso al porto di Mahon, gode infatti di un paesaggio da cartolina.

Passeggiate sul molo e godetevi le acque cristalline, le barche dei pescatori ed i più tradizionali llaüt che qui ormeggiano. Cenate con un’ottima aragosta o uno scorfano freschissimi.