Weekend a Minorca: cosa fare e cosa vedere in due giorni

Seconda isola delle Baleari, dopo Maiorca, e “riserva della biosfera” secondo l’UNESCO, Minorca si presenta come una piccola perla del Mediterraneo, particolarmente amata dai turisti che apprezzano la bellezza dell’arcipelago spagnolo, ma rifuggono la mondanità delle mete più gettonate.

Nonostante le dimensioni modeste, sono tante le cose da vedere e innumerevoli quelle da fare anche solo per due giorni, in questo angolo di paradiso che è in grado di soddisfare i desideri dei turisti più esigenti, tra natura, relax, storia, cultura e divertimento.

Non manca certamente il bel mare: sono addirittura ottanta le spiagge di Minorca, suddivise tra piccole cale e litorali dalla sabbia bianca e, soprattutto, dalle acque turchesi che caratterizzano tutto l’arcipelago; alcune di queste mantengono addirittura ancora intatto e incontaminato il paesaggio naturale circostante.

Potrebbe interessarti ☞ Giugno a Minorca: temperature e attività da fare

cala macarella minorca

Possiamo citare ad esempio Cala Pilar, cinta da un bosco selvaggio e da dune particolari, che rappresenta la meta perfetta per chiunque ami prendere il sole in completa solitudine e lontano dal caos di spiagge molto più frequentate e facili da raggiungere.

E poi ovviamente non si può non menzionare Arenal d’en Castell, la spiaggia urbana considerata tra le più belle di tutta l’isola; sicuramente la più estesa e con una grande quantità di servizi, perfetta per famiglie con bambini e persone che amano meno lo spirito selvaggio della natura.

Imprescindibile anche la sabbia rossa di Cala Pregonda, circondata da rocce dello stesso colore e raggiungibile percorrendo un tratto a piedi, per via del paesaggio incontaminato che la caratterizza. Per chi ama trascorrere la giornata, o parte di questa, al mare vale la pena visitare anche Cala Morell, con le sue acque limpide e di un colore paradisiaco, ma soprattutto con l’insediamento preistorico che la sovrasta e dal quale è possibile ammirare un tramonto spettacolare e suggestivo.

Per quanto riguarda la vita notturna, invece, Minorca offre sicuramente meno possibilità della più vicina e popolare Maiorca, ma non mancano comunque le alternative anche per chi ama un certo tipo di mondanità.

Ad esempio sono ancora moltissime le persone che, pur sfruttando le possibilità offerte dalle piattaforme online, quando ne hanno l’occasione preferiscono recarsi fisicamente in una sala da gioco e godere di una serata all’insegna dell’eleganza e del fascino del casinò; per divertirsi a Minorca anche di sera o dopo cena consigliamo quindi una visita al Marítim, con i suoi particolari tavoli da gioco rossi anziché verdi, come siamo abituati a vedere nelle sale di tutto il mondo.

Ma chi predilige la praticità del digitale può comunque sfruttare la connessione a internet per dedicarsi a tutti quei passatempi che trovano spazio nei siti web dedicati: dalle slot ai tavoli di carte, passando per le roulette e i quick games. Basta talvolta una semplice registrazione, in alcuni casi gratuita, per avere immediatamente a portata di mano ogni genere di intrattenimento possibile, senza l’onere di dress code e con molta più privacy: per questi e molti altri motivi la passione per il gioco online sta riscuotendo sempre maggiore successo.

E poi non mancano i passatempi neppure per gli amanti del turismo culturale: sono tantissime le cose da fare a Minorca per chi vuole ripercorrere la storia di un’isola abitata nei secoli da romani, greci, cartaginesi, inglesi e arabi, che hanno lasciato tracce indelebili del loro passaggio.

Potrebbe interessarti anche → Cosa fare a Minorca in 7 giorni 🏖️

cosa fare a minorca ciutadella

Maó, la capitale, prende addirittura il nome del fratello di Annibale, Magon, che pare l’abbia fondata: le sue dimensioni ridotte la rendono ancora più affascinante, perché tutto il suo centro abitato è sostanzialmente un centro storico.

E poi la Ciutadella, ovvero l’antica capitale, in cui l’architettura medioevale si incrocia con quella araba: considerata il fulcro religioso di tutta Minorca per la presenza della cattedrale e di altri numerosi edifici ecclesiastici come il chiostro della chiesa del Soccorso o il convento di Santa Clara.

Concludiamo questo articolo sulle cose principali da fare e vedere nell’isola, soprattutto se si ha poco tempo a disposizione, consigliando una visita alla sua vetta più alta, Monte Toro, dalla quale è possibile ammirare un panorama che si affaccia su tutta Minorca: un’immagine veramente indimenticabile e una tappa assolutamente imperdibile.