Minorca: il consumo di prodotti locali è aumentato durante il confinamento

Questi sono i dati secondo le analisi delle Catene Alimentari e Diagnosi del Settore della Produzione Locale, Ecologica, Agroindustriale e Artigianale delle Isole Baleari.

Il consumo di prodotti locali a causa della pandemia e durante i mesi di confino – da marzo a luglio 2020 – è aumentato del 13% a Minorca.

Inoltre, il 12% dei consumatori ha incrementato gli acquisti a casa e il 32% nei negozi locali dell’isola.

Questi sono i dati dell’analisi delle Catene Alimentari e Diagnosi del Settore della Produzione Locale, Biologica, Agroindustriale e Artigianale delle isole Baleari che il Ministro dell’Agricoltura, Pesca e Alimentazione delle Baleari, Mae de la Concha ha presentato mercoledì e analizza, tra le altre cose, l’impatto di COVID-19 nelle abitudini di consumo alimentare della popolazione delle Baleari.

L’assessore ha sottolineato che il COVID-19 ha contribuito ad aumentare la consapevolezza della necessità di ottenere un maggiore approvvigionamento alimentare locale, una produzione più equa e un consumo responsabile a disposizione di tutti i cittadini.

Potrebbe interessarti anche → I vini di Minorca: le migliori varietà e cantine 🍷

Questo studio indica che il 74% della popolazione minorchina è favorevole a scommettere su un modello che vada verso la sovranità alimentare.

Il Direttore Generale delle Politiche per la Sovranità Alimentare, Paula Valero, ha sottolineato che conoscere e avere una diagnosi della situazione produttiva e alimentare delle isole Baleari è la chiave per muoversi verso un miglioramento costante e progressivo della capacità di autosufficienza alimentare e ha aggiunto che promuovere i prodotti locali, l’economia circolare e mitigare l’impatto di anidride carbonica sono passi fondamentali per attuare le politiche a breve, medio e lungo termine.

Secondo i dati analizzati tra il periodo 2017/2019, il valore economico delle aziende agroalimentari per le isole Baleari è stato di 232,5 milioni di euro e ha occupato circa 225.595 ettari.

In termini di produzione, questa si basa su colture vegetali, patate, legumi e prodotti lattiero-caseari.

A Maiorca, le principali colture prodotte sono ortaggi e legumi (32,1%) e patate (31,7%).

A Minorca, latte e prodotti lattiero-caseari (77,3%) e nelle Isole Pitiuse, colture vegetali (46,55%).

Per quanto riguarda la mancata corrispondenza tra importazioni ed esportazioni nelle Baleari è stimata in 2.219.549 tonnellate all’anno, un flusso che è chiaramente condizionato dall’evoluzione del turismo.

Inoltre, questa importazione di prodotti agroalimentari è particolarmente inquinante, fino a 3,4 volte superiore, in media, all’impatto del consumo e della distribuzione di prodotti locali.

Più di 98.000 tonnellate di CO2 sono prodotte annualmente da queste importazioni nelle isole, e più di 60.000 tonnellate di rifiuti agroalimentari all’anno.

Potrebbe interessarti anche → Tutto sul Queso Mahón, il formaggio tipico di Minorca 🧀

In termini di distribuzione, il peso dei supermercati e dei negozi self-service a Maiorca è la maggioranza e rappresenta il 50% del sistema di distribuzione dei prodotti agroalimentari.

Il negozio tradizionale è importante e superiore alla media dello stato, soprattutto nei prodotti freschi, con una quota di mercato del 30%. I ristoranti rappresentano il restante 22% della distribuzione.

A Minorca e alle Isole Pitiuse i dati sono simili. Il peso dei ristoranti alla distribuzione in queste isole è del 21%.

Per quanto riguarda l’approvvigionamento, le isole hanno solo una percentuale di autosufficienza alimentare dell’11,6% circa.

Senza incorporare il peso del turismo, questa cifra salirebbe al 16,13%.

Solo Maiorca è autosufficiente in due prodotti alimentari: noci e patate.

A Minorca c’è solo autosufficienza di latte.

Nelle Isole Pitiuse, invece, esiste solamente l’autosufficienza relativa alle bevande alcoliche.