All’interno del sito archeologico di “Es Coll” a Cala Morell (datato già tra il 1600 ed il 1200 a.C.) potrebbe trovarsi la cisterna di raccolta d’acqua più antica delle Baleari, secondo gli ultimi studi archeologici

La cisterna sembra essere composta da due cavità con pareti in pietra che sembrano essere unite da un sottile canale interno, situato al centro del sito archeologico e composto dal 13 navetas preistoriche documentate, due delle quali scavate, che sarebbero state utilizzate come stalla per gli animali.

La co-direttrice del progetto e direttrice del Museo di Storia di Maiorca, Magdalena Salas, ha confermato che a breve inizieranno gli studi e gli scavi archeologici per datare il deposito come il più antico dell’arcipelago.”Si tratterebbe di una struttura unica per le Baleari, datan¡bile all’Età del Bronzo”.

Al lavoro ci sono il gruppo di archeologi di “Entre Illas”, un progetto di collaborazione tra Minorca e Maiorca, che si occupano di monumenti con caratteristiche simili: in questo momento “Sa Ferradura” a Manacor (1100 – 900 a.C.) e questo di Cala Morell. Entrambi, infatti, condividono una serie di caratteristiche: sono costieri e di difficile accesso.

Monserrat Anglada, archeologa coordinatrice del progetto, ha affermato che spera, in un futuro, che anche Ibiza si unisca al progetto “Entre Illas”, perchè anche nella splendida pitiusa esistono moltissimi siti simili.