Cultura minorchina: la fondazione Isla del Rey ospita un museo sul lascito navale italiano

La cultura dell’isola avrà una marcia in più: la Fundación de la Isla del Rey ed il Museo del Mare di Genova hanno firmato un accordo di cooperazione internazionale, con l’obiettivo di trasformare il lascito navale italiano che si trova ora sull’ Isla del Rey in Museo Marittimo.

L’accordo va diretto ad un turismo culturale così come allo sviluppo sia del patrimonio marittimo (attraverso esposizioni ed eventi) che museistico.

In particolare, questo progetto si unisce ad altri già in atto, che hanno come scopo ultimo il recupero e lo sviluppo delle culture marittime delle isole del Mediterraneo occidentale.

La relazione tra Italia, Minorca e l’Isla del Rey ebbe, in realtà, un inizio tragico: il 9 settembre del 1943, infatti, affondò proprio qui la corazzata Roma, con la conseguente morte di 1.395 marinai italiani.

I 626 sopravvissuti vennero trasferiti all’ospedale dell’Isla del Rey. Due anni fa i volontari italiani dell’Isla del Rey costituirono la “Associazione della Famiglia Italiana di Minorca” per non far dimenticare questo tragico avvenimento.