Baleari in inverno

Chi l’ha detto che per godersi il mare bisogna partire in estate? In inverno è ancora meglio. Lo sanno bene gli abitanti delle Baleari, arcipelago spagnolo composto da Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera.

Questi quattro gioielli, durante i mesi invernali, si riappropriano del loro splendore più autentico, lontano dalle orde di turisti che da giugno ad agosto affollano strade e spiagge.

Non a caso l’Ente del Turismo delle Baleari ha adottato da diversi anni una strategia promozionale, “Better in Winter”, con lo scopo di valorizzare le quattro isole proprio da dicembre a marzo, puntando sulle numerose attività e sui tanti eventi che animano Maiorca, Minorca, Ibizia e Formentera anche fuori la stagione estiva.

Ecco alcuni suggerimenti su cosa vedere e fare per quanti hanno programmato, o comunque stanno pensando a una piccola vacanza su una delle isole delle Baleari.

1. Maiorca e i suoi presepi. La più grande dell’arcipelago, ha molto da offrire in questo periodo. In particolare è a Natale che dà il meglio di sé. Nel mese di dicembre, una delle attività più piacevoli per famiglie e non solo, è andare alla scoperta dei tanti presepi della città di Palma.

Chiese, conventi e associazioni espongono i loro presepi, alcuni dei quali sono dei veri e propri tesori. Ne è una testimonianza quello del Palau March, un presepe napoletano del XVIII secolo composto da più di 2mila pezzi realizzati a mano e decorati nei minimi dettagli. Il clima è mite e sereno, merito del sole che qua splende indisturbato. Pensate che le temperature minime che si registrano qui sono di 14°.

Potrebbe interessarti anche → Cosa vedere a Minorca a febbraio

Potrebbe interessarti anche → Meglio Minorca o Maiorca per le vacanze?

2. Minorca e la sua storia. Arrivare sull’isola è molto semplice. Basterà prendere uno dei traghetti Minorca che partono da Barcellona, Valencia e Denia per raggiungere la sorella minore di Maiorca. Ed è proprio dal porto che inizia il nostro tour per ammirare Minorca in inverno.

Partendo, infatti, dal porto di Maó è possibile ripercorrere un pezzetto di storia dell’isola seguendo l’itinerario militare. La maestosa fortezza della Mola, ricca di gallerie sotterranee, linee difensive e antiche polveriere, si erge su un magnifico paesaggio naturale. A piedi, in bicicletta, in fuoristrada o a cavallo, comunque la si voglia percorrere si scopre la storia dell’isola godendo del panorama spettacolare della costa. Il viaggio nel passato continua nelle gallerie sotterranee di San Felipe, situate sulla riva sud del porto di Mahon.

3. Ibiza, alla scoperta del silenzio. La più mondana delle Baleari in inverno si trasforma, ed è forse proprio questo il periodo giusto per ammirarla e scoprire il suo vero volto. L’isola si spoglia delle sue infrastrutture e di quei suoni e musiche che riempiono discoteche e locali alla moda.

Potrebbe interessarti anche ☞ Cosa fare a Minorca a marzo

Visitare Ibiza in inverno è una sfida. Qui, dove ogni notte da maggio a ottobre è Capodanno, a Capodanno regna il silenzio o comunque un’atmosfera tranquilla e rilassata, ben lontana dai ritmi frenetici dell’estate. Perfetta per ammirare ad esempio la necropoli punica di Puig des Molins, dove l’ultima domenica di ogni mese, attraverso rappresentazioni teatrali, è possibile scoprire le tracce delle civiltà che hanno anticamente abitato Ibiza. Da non perdere anche una visita alla zona storica di Dalt Vila, situata al centro dell’isola, racchiude le mura della città dichiarate patrimonio dell’Unesco.

4. Formentera green. La piccola delle Baleari mantiene il suo fascino anche nei mesi più freddi. La comunità hippy è sempre presente, e le acque turchesi del suo mare sono ancora più visibili adesso che sono andati via tutti i turisti. Se poi siete degli sportivi, Formentera vi darà grandi soddisfazioni grazie ai suoi tanti sentieri green.

Numerosi sono gli angoli solitari in cui perdersi e molti i percorsi appositamente pensati per podisti e amanti della bicicletta. Si tratta delle cosiddette “rutas verdes”, 32 circuiti verdi segnalati. Inaugurati nel 2016 si estendono per circa 130 Km lungo tutta l’isola e si dividono in base alla difficoltà, tipi di suolo e distanze, che vanno da 1,5 kilometri a 12,3 kilometri per i più allenati.