Camminare a Minorca senza imbattersi nel Camí de Cavalls è quasi impossibile.

La sua storia è antica almeno 700 anni. La sua funzione originaria era militare. Fino dal XIV secolo era la strada che i cavalieri percorrevano per perlustrare la costa, per scongiurare o avvistare le possibili incursioni dei pirati.

Poi, il Camí de Cavalls è divenuto anche una strada di comunicazione tra i luoghi vicini alla costa e accesso alla stessa per i pescatori. Durante la prima dominazione inglese, per esempio, il governatore Richard Kane lo considerava un vero e proprio “cammino reale” e, pertanto, nell’anno 1736 ordinò di mantenerlo «pulito e transitabile, come si faceva anticamente».

Tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si cammina, F. Nietzsche

20 percorsi per scoprire Minorca

Sono 20 le tappe del Camí de Cavalls: qui uno scorcio naturale della 12.

Negli ultimi anni è stato restaurato e trasformato in un percorso escursionistico riconosciuto a livello internazionale: dal 2010 è incluso nella Rete europea dei sentieri con la sigla GR-223.

Senza dubbio è una delle maggiori attrazioni di Minorca da percorrere a piedi, a cavallo, in mountain bike. A questa pagina  trovi tante informazioni in italiano. Tieni presente che il Camí de Cavalls consente di scoprire non solo baie e spiagge vergini ma anche storia, cultura e gastronomia dell’isola dichiarata Riserva della Biosfera Unesco grazie ai suoi straordinari valori naturali.

In ogni passeggiata nella natura l’uomo riceve molto di più di ciò che cerca, J. Muir

Cosa è il Camí de Cavalls?

Camí de Cavalls, i colori del percorso N.7

Il Camí de Cavalls è una sorta di circumnavigazione dell’isola, lunga 185 chilometri: chilometri di sentieri e piste che corrono lungo l’isola, sovrastano il mare, si addentrano nel suo interno per mostrarti zone umide, aree coltivate, foreste e burroni. Dove puoi fermarti attratto dalla bellezza di una spiaggia e fare bagni in acque dai colori caraibici. Dove puoi fare pic-nic all’ombra di pini mediterranei.

Il Camí è organizzato in 20 tappe. Puoi sceglierne una o più, seguendo i tuoi desideri di escursionista esperto o anche solo di curioso e desideroso di arrivare a una delle tante cale e spiagge.

Ecco la mappa del Cami de Cavalls che ti consente di guardare i 20 percorsi: scaricala sul tuo pc e inizia a sognare!

7 itinerari da/a Casa Bonita

Il Cami de Cavalls è una delle maggiori attrazioni di Minorca

Da Casa Bonita puoi raggiungere facilmente i punti di partenza di alcune tappe e possiamo aiutarti a organizzare una giornata in rapporto con la parte più vera e naturale dell’isola. Eccole:

Itinerario 1.
Mahon – Es Grau
3h30’ ~ 10 km ~ media difficoltà

Itinerario 2.
Es Grau – Favaritx
3h30’ ~ 8,6 km ~ media difficoltà

Itinerario 4.
Arenal d’en Castell – Cala Tirant
4h ~ 10,8 km ~ media difficoltà

Itinerario 5.
Cala Tirant – Binime-là
4h ~ 9,6 km ~ media difficoltà

Itinerario 15.
Sant Tomàs – Son Bou
2h30’ ~ 6,4 km ~ facile

Itinerario 17.
Cala en Porter – Binisafùller
4h30’ ~ 11,8 km ~ facile

Itinerario 19.
Punta Prima – Cala de Sant Esteve
2h40’ ~ 7,3 km ~ facile

Che cos’è un passo? E’ il possibile di fronte al tutto, Padre G. M. Polidoro

Scopri la Epic, 3 giorni di corse nella natura

Camí de Cavalls: indicazioni tappa N. 19

Altrimenti, come fanno altri, puoi programmare la tua vacanza per percorrere tutto o in parte il periplo di Minorca. Con Camí de Cavalls 360° puoi organizzare l’esperienza completa, compreso cene e pernottamenti, a piedi o in bici. E puoi prepararti per la prossima Epic, tre giorni di corsa nella natura camminando, correndo e pedalando: guarda il video!

La comunità minorchina s’impegna a mantenere vivo il Camí de Cavalls e a favorirne la conoscenza. Anche tu sarai invitato a un uso responsabile.

Non sarà difficile: Minorca è un esempio costante e contagioso. Per questo ti conquista, per questo non vedi l’ora di tornare. E per altri 700 anni continueremo così a percorrere il Camí de Cavalls da un lato all’altro, soprattutto da settembre a giugno e qualche intrepido anche a luglio e agosto. E continueremo così a stupirci dei prodigi della natura che tanto ci regala e poco ci chiede. Ci chiede rispetto e cura.

La vera casa dell’uomo non è una casa, è la strada. La vita stessa è un viaggio da fare a piedi, B. Chatwin