Minorca, escursioni: le migliori 7 opzioni

Minorca, definita da molti archeologi un vero e proprio museo a cielo aperto, raccoglie in poco più di 700km2 dei veri e propri tesori archeologici, architettonici e naturali.

I fine settimana (particolarmente tra l’autunno e la primavera) sono diversi i gruppi di famiglie, amici o turisti che approfittano delle belle giornate per fare delle escursioni e visitare i tanti patrimoni dell’isola.

A Minorca, quando avrete una giornata da dedicare ad un’escursione culturale, vi consigliamo le seguenti (se invece volete fare un escursione via mare guardate qui: escursioni via mare a Minorca).

▶▶▶  ESCURSIONI A MINORCA

Potrebbe interessarti anche → Noleggio barche a Minorca: tutto ciò che c'è da sapere 🚣‍♂️

Favaritx – Es Grau

Un’escursione tra le più amate, perchè passa dallo spettacolare paesaggio lunare del faro di Favaritx – unico a Minorca – al Parco Naturale di Es Grau, zona protetta. L’escursione passa attraverso campi, boschi e costa, regalando, dopo ogni curva, un panorama mozzafiato. Da Favaritx ci si può godere la tranquillità di Cala Tortuga e Cala Presili, ammirando il solitario, splendido faro.

Il parco di Es Grau, a parte essere un vero paradiso per i birdwatchers, è accessibile a piedi o in bici, ed attraversa la splendida laguna, in cui il silenzio è interrotto solo dai versi degli uccelli migratori.

PS (importante) Da questa estate il faro è raggiungibile solamente in Taxi o con il servizio bus del comune.

▶▶▶  ESCURSIONI A MINORCA

Punta Nati

Punta Nati non solo per l’isolato faro, ma per ammirare, nei terreni circostanti le batterie che vennero utilizzate durante la Guerra Civile, oggi ancora preservate ed usate come rifugi per il bestiame durante i temporali.

Un paesaggio davvero insolito e particolare, cui si accede da Ciutadella, per una strada piuttosto stretta, delimitata dai tipici muretti a secco. È uno dei luoghi più suggestivi da cui ammirare il tramonto, con l’isola di Maiorca sullo sfondo.

I Palazzi di Ciutadella

Inutile nasconderlo, l’antica capitale è come il buon vino, con il tempo migliora, e soprattutto non perde l’atmosfera nobile che la contraddistingue. Anzi: da poco è possibile visitare alcuni dei palazzi più antichi della città, come il Palau Olivar, residenza (ancora oggi) di una della più importanti famiglie dell’isola: entrarvi è come fare un tuffo nel passato più ricco della città. Gli interni sono stati ristrutturati attenendosi fedelmente all’originale. Situato proprio di fronte l’ingresso della Cattedrale, il Palau gode di panorami privilegiati sul centro di Ciutadella.

La Fortezza della Mola

La più imponente, impressionante e maestosa costruzione militare minorchina. Fortezza voluta da Isabella II (di cui porta il nome) La Mola venne costruita a difesa del porto di Mahon, ma non venne mai utilizzata per scopi militari. Vale la pena la visita guidata, perchè è davvero grande, ed ogni stanza o sotterraneo raccontano un pezzo della storia dell’isola.

Potrebbe interessarti anche → Le migliori escursioni a Minorca in barca 🚣‍♀️

Torre d’En Galmes

Il più grande giacimento archeologico di epoca talaiotica delle Baleari. 62.000m2 di superficie che ospitano talayots, sale ipostile e monumenti funerari. Il sito sembra essere stato uno dei più popolati e ricchi dell’epoca, e di sicuro vale la pena una visita. Impressionanti le taulas, che ricordano molto quelle di Stonehenge.

▶▶▶  ESCURSIONI A MINORCA

Le Torri di difesa

A Minorca ve ne sono di tre tipi: medievali (le più antiche), solitamente costruite nell’entroterra; di vedetta, costruite durante gli attacchi dell’esercito Ottomano, e difensive, poste lungo il litorale minorchino. Diverse tra loro per architettura ed uso, alcune di queste sono visitabili (come quella di Fornells), mentre altre sono chiuse al pubblico, ma la situazione in cui si trovano le rende sempre affascinanti.